Serra: "Juventus-Fiorentina femminile evento eccezionale speriamo diventi normalità"

25.03.2019, 21:55 - letto 190 volte Calcio

Katia Serra, ex giocatrice oggi opinionista, a MC Sport Live Show ha parlato così: "Juventus-Fiorentina è stata la festa del calcio femminile e di tutte quelle persone che negli ultimi anni si sono impegnate. E' stato un evento eccezionale e l'auspicio è che diventi normalità nel giro di qualche anno. Ieri si è costruito qualcosa di particolare. Ieri anche chi conosceva meno il calcio femminile ha avuto la possibilità di vedere il livello del calcio".

Quanta differenza c'è tra il calcio femminile italiano e quello del resto d'Europa?
"Rispetto all'Europa dove Inghilterra, Germania e Francia sono decisamente più avanti abbiamo ridotto moltissimo il gap, specie dal punto di vista atletico. Oggi le nostre ragazze sono professioniste e si possono concentrare solo sul calcio femminile. Purtroppo nella nostra Serie A solo 6 o 7 squadre possono garantire questo aspetto mentre le altre sono ancora formazioni dilettantistiche. Oggi l'Italia è nella media europea, per arrivare al top c'è ancora da lavorare".

Cecilia Salvai si è rotta il legamento del ginocchio sinistro e salterà il Mondiale. Che perdita è per la nostra Nazionale?
"E' una perdita gravissima perché Salvai è una giocatrice di profilo europeo e una colonna della nostra Nazionale. Per fortuna le alternative non mancano e su tutte Elena Linari che oggi gioca nell'Atletico Madrid".

Con quali aspirazioni andrà l'Italia al Mondiale?
"Vedremo un'Italia determinata e coraggiosa capace di lottare fino all'ultimo perché da troppo tempo si aspettava questa opportunità. Il girone non è semplice da passare ma è fattibile. Passano le prime due di ogni girone e le quattro migliori terze classificate. Altre realtà come Giappone, Australia e Stati Uniti sono molto più evolute a livello di calcio femminile".

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.
Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.