Mondonico: "La classifica penalizza la Fiorentina. Non capisco il progetto"

12.02.2018, 22:52 - letto 105 volte Calcio

Emiliano Mondonico, ex allenatore tra le altre di Fiorentina e Torino, a RMC Sport Live Show analizza la situazione della Serie A.

Gli allenatori subentranti hanno fatto meglio dei loro predecessori?
"Il segreto è che i giocatori con i nuovi allenatori si sentono più responsabilizzati e tocca a loro dare il meglio e dare il massimo. C'è l'obbligo di dare il meglio e con un allenatore che subentra si sviluppa anche uno spirito nuovo nello spogliatoio. Anche io quando sono arrivato alla Fiorentina avevo due punti di media in Serie B".

Undicesimo posto in classifica per la Fiorentina, con un rapporto tra proprietà e tifoseria non proprio limpido. Che campionato è?
"La Fiorentina vive un'annata un po' particolare. Ha nove punti in meno dell'anno scorso ma già da agosto si era capito che non sarebbe stata una stagione tanto facile. Da subito si è cominciato a parlare di progetto, ma che vuol dire? Ogni annata dev'essere determinante per una squadra. Questa classifica penalizza la Fiorentina perché ci sono squadre davanti che non sono superiori e questo vuol dire che la Fiorentina spesso non dà il meglio di sé durante le partite".

Lotta salvezza, sorprende vedere il Chievo invischiato laggiù?
"Sì è strano perché erano partiti benissimo ma nelle ultime 10 partite hanno fatto 2 punti. Quando una squadra si sente già salva perde concentrazione e così si ritrova nelle retrovie e cominciano i problemi. Lo stesso Sassuolo ha un ruolo che non è il suo perché si trova troppo in basso per quelle che sono le sue potenzialità. Queste squadre non stanno dando il meglio".

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.
Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.