Maniero: "Atalanta straordinaria. Piatek sintomo della crisi del Milan"

07.05.2019, 18:01 - letto 58 volte Calcio

Filippo Maniero, ex attaccante, su MC Sport 'Live Show':

Ti saresti mai immaginato l'Atalanta così in alto?
"Quello che stanno facendo è straordinario e meritato, non sono lì per caso. È un lavoro che parte da lontano, da due-tre anni fa. La continuità e il cambiare poco alla fine porta a risultati. Farlo in una piazza come Bergamo è un po' più semplice, perché non hai eccessiva pressione e immediatezza di risultati, cosa che trovi nelle grandi squadre. Adesso i nerazzurri sono i favoriti per il 4° posto, anche per il calendario e lo stato psico-fisico".

Su Zapata:
"Come attaccante mi è sempre piaciuto. Abbina forza fisica, tecnica e velocità, è un giocatore completo. Per questo calcio moderno è anche un po' atipico, sembra una punta vecchio stampo e oggi, purtroppo, se ne vedono poche. Credo sia anche sottovalutato, per me non è valutato abbastanza: è un grande attaccante".

Piatek è in crisi, perché?
"Un attaccante è il sintomo di come una squadra sta andando. Possono segnare quando la squadra gioca male, ma succede raramente. Nelle sue prime partite col Milan, i rossoneri erano in un buon momento, adesso invece vivono un periodo negativo e tutti stanno faticando, anche Suso, Castillejo e Calhanoglu".

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.
Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.