Fiore: "Milinkovic, problema mentale. Parma vera sorpresa del campionato"

10.12.2018, 21:35 - letto 102 volte Calcio

Altro ospite d’eccezione a RMC Sport. Nel Live Show l’ex azzurro e centrocampista, tra l’altro, di Fiorentina e Lazio Stefano Fiore.

Su Prandelli
"Genoa? E’ una scelta pericolosa per quello che è stato il suo passato, ma credo che lui ora volesse tornare fortemente ad allenare. Si è rimesso in gioco, è una bella sfida. Ha dimostrato di essere comunque un tecnico capace, lo considero tra i più bravi in Italia. E’ un insegnante di calcio".

Sulla Fiorentina
"Ho avuto l’onore di conoscere la famiglia Della Valle e il ricordo che ho è splendido. Sono imprenditori serissimi, sono passati tanti anni ma ho seguito gli eventi. Non so quali siano le condizioni, ma comunque la Fiorentina è in linea con quello che deve fare. I Della Valle sono un valore aggiunto, se poi ci sono imprenditori che vogliono e possono fare meglio... Prima di disperdere un patrimonio come il loro ci penserei due volte".

Sulla Lazio
"In questa settimana si è alzato un polverone eccessivo, la società ha dovuto porre l’accento su alcune cose rassicurando tutti, in primis il tecnico che sta facendo bene il suo lavoro. Sta crescendo in fretta e può commettere qualche errore come tutti. La Lazio non è da scudetto, siamo in linea anche qui con gli obiettivi stagionali. C’è la differenza rispetto allo scorso anno e magari qualche preoccupazione per l’involuzione di qualche suo elemento migliore".

Su Milinkovic Savic
"Poteva avere qualche problema fisico, visto anche il Mondiale disputato e la preparazione non fatta. Ora siamo a dicembre, il ragazzo corre e si impegna, quindi per me il problema è mentale. Prima si parlava di mezza Europa che lo cercava, è rimasto alla Lazio alla fine. Forse è un problema di gestione. E’ una piccola delusione al momento. Credo che stia pagando a livello emotivo tutto il movimento che c’è stato intorno a lui in estate e non solo".

Sul Parma
"Mi auguravo un ritorno così ma non me lo aspettavo .Stanno facendo qualcosa di molto bello. E’ la vera rivelazione del campionato, considerando anche il valore tecnico. Merito del gruppo, Di D’Aversa e di chi ha inserito gli uomini giusti nella rosa. Gervinho veniva dato per finito e invece si sta dimostrando ancora valido".

Sulla Champions
"Il Napoli incontra un Liverpool che avrà dalla sua il fattore Anfield. Vedendo cosa è successo in Premier, con il ko del City, hanno più motivazioni. Sarà una partita diversa rispetto a quella dell’andata. Dovrà ancora una volta stupirci il Napoli. Speriamo possa compiere un’impresa. L’Inter deve vincere e non sarà facile, perché il Psv non ha niente da perdere. Rispetto al Napoli ha un vantaggio, ma spero che entrambe possano passare".

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.
Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.