Daino: "Milan, il problema sono le cessioni. Inter, dopo Lukaku no Dzeko ma Dybala"

09.08.2019, 14:00 - letto 179 volte Calcio

A TMW Radio, durante Maracanà, Daniele Daino ha detto la sua sul momento del Milan e non solo.

Sul Milan
"Il problema è nelle cessioni, nel dare via quei giocatori che non sono funzionali per il gioco di Giampaolo. Sono almeno 4-5. La difficoltà è proprio nel mercato in uscita per Maldini e Boban. Suso? Giocando con un 4-3-1-2, dal momento che hai anche Paquetà e Calhanoglu, il Milan deve cercare di sacrificare anche Suso, per dare una funzionalità al progetto. Servono giocatori giusti per il suo modulo e per permettergli di raggiungere l'obiettivo del quarto posto. Non vogliono andare via? Devono ringraziare il Signore di averla indossata. Se arrivano offerte, nel rispetto del Milan, devono andare. Serve il pugno duro della società. Modric? Solo un sogno".

Sul caso Icardi
"Non penso che le società vadano a ragionare di tenere un giocatore per fare uno sgarro all'altra. Icardi rimane nella top 3 degli attaccanti in Serie A. L'Inter deve capire come arrivare con Icardi a quell'attaccante che manca da affiancare a Lukaku. Per me è Dybala. Se l'Inter dovesse riuscire a scambiare Icardi con Dybala, oltre ad un conguaglio, sarebbe perfetto. La coppia Dybabala-Lukaku con Conte sarebbe una coppia formidabile. Altrimenti vedrei Icardi al Napoli, visto come sta costruendo la squadra Adl. Dzeko all'Inter? Se prendi Lukaku, non ha senso portare anche lui. L'Inter ha bisogno di un giocatore più tecnico, una seconda punta. A centrocampo ci sono Barella e Sensi, è un po' fragile e leggero. Milinkovic metterebbe la fisicità che serve".

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.
Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.