Arianna Fontana: "Olimpiadi, a Pyeongchang emozione grandissima. Futuro? Non ho ancora deciso"

26 mar 2018 23:13Altri sport

Arianna Fontana, olimpionica di Short Track, ha parlato così ai microfoni di RMC Sport a margine di un evento sulle donne e lo sport: "A Pyeongchang è stata un'emozione grandissima per tutte e due le settimane che sono stata lì. Per due settimane ho dovuto cercare di reprimere tante emozioni e l'ultimo giorno sono esplose. Se si poteva fare di più? Ci poteva essere anche la quarta medaglia ma a parte questo il resto è andato tutto perfetto, sinceramente prima di partire pensando anche alle Olimpiadi di Sochi, dove avevo conquistato tre medaglie, sapevo che non sarebbe stato facile eguagliare quel risultato, figuriamoci migliorasi. In realtà alla fine ce l'ho fatta ed è stata una bella sorpresa. Il mio futuro? Ho incontrato i miei capi della guardia di finanza qualche giorno fa e anche loro mi hanno detto di prendermi tutto il tempo di cui ho bisogno. Sono contenta che anche loro mi diano il tempo necessario per pensarci perché non è una decisione semplice. Se dovessi continuare penserei anno per anno, perché ho passato quattro anni duri e se dovessi già iniziare a pensare ai prossimi quattro direi subito di no. Mio marito mi ha detto che è una mia decisione e non mi spinge in nessuna direzione. Mi supporta e se ho bisogno di consigli me li dà, ma non mi obbliga a fare nulla. Se dovessi smettere? Ci sono alcuni progetti su cui io e mio marito avremmo intenzione di lavorare, però non c'è ancora nulla di definitivo per cui non vorrei parlarne prima del tempo. Qualcosa c'è ma vedremo se accadrà subito oppure se dovrà essere rimandato. Il mio effetto sullo Short Track? E' stata data sicuramente un po' più di visibilità a questo sport e spero che tanti bambini inizino a pattinare e si appassionino. Vorrei rimpolpare un po' i numeri qui in Italia perché sono veramente pochi e magari partire con un bel progetto con Federazione e CONI. Non è tra le mie priorità essere tra le più medagliate alle Olimpiadi, è già bello essere lì tra i migliori e per ora mi basta quello. Nello Short Track sono la più medagliata insieme a Viktor Ahn e Apolo Ohno, loro sono due leggende di questo sport, quindi essere lì con loro mi fa pensare che forse sono un po' leggenda anche io".


Arianna Fontana, olimpionica di short track, intervistata da Alessandro Rimi © registrazione di TMW Radio

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy