"> ">
TMW Radio
TMW RADIO - Loreto “La Juve sta costruendo bene, mai dare Allegri per spacciato”
04 ago 2022 12:01Calcio

Tommaso Loreto, direttore di radio Firenze Viola, è intervenuto durante l’Editoriale di Tmw Radio. Queste le sue parole:

Si sta parlando di un po’ di divisione nella tifoseria viola, questo succede quasi in tutte le tifoserie. Com’è la situazione in casa viola?
“Abbiamo registrato lo stato d’animo dei tifosi viola specialmente dopo l’amichevole di ieri contro il Qatar. C’è del rammarico per la difficoltà nel fare gol, con le occasioni di Ikoné e Saponara sciupate anche ieri. La maggior parte dei tifosi però ha ottimismo, lo dimostrano i numeri della campagna abbonamenti e il lavoro della società è piaciuto. L’obiettivo è quello di migliorare il risultato dello scorso anno, oggi tutti seguiranno la sfida tra Twente e Cukaricki, c’è il rischio però di affrontare gli olandesi non al meglio. Il doppio binario tra chi vede una Fiorentina rinforzata e chi parla dei problemi che sono rimasti in casa viola andrà avanti”

E nelle altre piazze come le vivi queste divisioni?
“È un ampio mix di una serie di componenti, si vive il momento attuale con un avvio di stagione nel weekend di Ferragosto. È il periodo delle chiacchiere sotto l’ombrellone e quindi ci sta avere queste discussioni. Mi fa effetto, ad esempio, sentire parlare di mancanza di mentalità in ottica Juve sotto la guida di Max Allegri. Quest’anno la Juve sta ricostruendo bene, Allegri non va dato per spacciato. Sul Napoli ho la sensazione che ci sia un rapporto irrecuperabile tra la società e una parte della tifoseria, a questo punto qualsiasi mossa di De Laurentiis non permetterà di recuperare il rapporto. In casa nerazzurra c’è qualche delusione vista la mancata conquista dello Scudetto, sicuramente c’è pressione su Simone Inzaghi”

De Laurentiis ha aperto un tema come quello della Coppa d’Africa, cosa pensi delle parole del Presidente del Napoli?
“È un tema che mi fa pensare al problema generale dei calendari. Arriviamo anche a giocare il Mondiale a fine anno solare, bisognerebbe rivedere tanti parametri e si pensava che si potesse fare anche dopo la rivoluzione Superlega. Più si va avanti, più la priorità viene data all’aspetto economico in ogni singola competizione. Comprendo ciò che dice De Laurentiis e il problema della Coppa d’Africa, non capisco però perché bisogna sempre puntare il dito senza mai provare a fare qualcosa di diverso. Si vuole andare avanti sempre sulla stessa linea, ci saranno quattro partite di campionato a mercato aperto eppure nessuno si è lamentato”