Tacchinardi: "La Juventus è tornata. Scudetto? Difficile dirlo, ma se batte l'Inter..."

18 Oct 2021 16:04Calcio

L'ex calciatore e tecnico Alessio Tacchinardi a TMW Radio, durante Maracanà, ha espresso il suo pensiero sul turno di Serie A.

Lazio-Inter, che ne pensa del gol di Anderson?
"Un conto è se uno prende una pallonata, ma altrimenti è colpa esclusiva dei giocatori dell'Inter. Bisogna andare avanti a giocare, è stato un errore dei giocatori, perché erano in 5 contro due e c'è stata una loro leggerezza". 

Questa giornata cosa ha detto?
"La Juventus con il Chelsea veniva in un momento di difficoltà, da quella partita si è detto che stava tornando. Può piacere o meno, ma l'identità è quella. Il timbro di Allegri si vede. Quando avrà Morata e Dybala crescerà la qualità, però ha ritrovato le fondamenta solide. Prima invece traballava troppo. La Juventus è tornata, non so se vincerà il campionato ma è pericolosa. Se batte l'Inter, è tanta roba".

Merito della crescita del Napoli è di Spalletti o di Osimhen?
"Spalletti sta facendo da parafulmine, è molto bravo a gestire certe cose. E' una squadra che gioca serena, tranquilla. Osimhen Gattuso non ce l'ha avuto praticamente, perché è un attaccante davvero forte. L'impatto che ho avuto dal mister è quello di un Mourinho meno esplosivo, un accentratore di pressioni. Era una piazza demotivata, non era facile risollevare il Napoli. Poi Osimhen è un fenomeno".

Lazio, merito di Sarri o delle giocate dei singoli?
"La partita con l'Inter si è decisa con gli episodi, fino a quel momento l'Inter aveva giocato meglio. Non vedo una super-Lazio ma ha battuto Roma e Inter, servirà continuità ma può fare un campionato importante. E' una mina vagante quando ci giochi contro".

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy