Sconcerti: "Questa è la Nazionale di tutti. Napoli-Milan non è solo la sfida Insigne-Ibra"

19 nov 2020 16:26Calcio

A parlare dei temi del giorno a TMW Radio, durante Maracanà, è stato il direttore Mario Sconcerti. Queste le sue parole:

Una Nazionale in evoluzione: Mancini ha dato una identità di gioco. Che ne pensa?
"Sia Bearzot che Lippi giocavano da club, più il primo che il secondo. Mancini adesso non ha più il blocco Juve. E' una Nazionale di tutti. Quello di non avere grandi squadre che trainano la Nazionale non so quanto faccia bene però. E' una Nazionale unica ma che gioca bene, che gioca meglio di quella del 2006".

Che chance ha questa Italia?
"Davanti ci sono Spagna e Belgio, poi c'è la Francia, ma l'Italia è a ridosso di queste".

Mancini ha portato tutti dalla sua parte. E' un leader così forte?
"Dentro di sè ha delle certezze che altri non hanno. Quando giocava in Nazionale era centravanti e non era facile. Nella Samp il vero leader era lui. Vialli, con la propria luce, faceva sì che Mancini potesse vivere più silenziosamente ma era Mancini il leader vero". 

Napoli-Milan, sarà anche la sfida Insigne-Ibrahimovic:
"Ma è tutto il Napoli che è forte, così come sta facendo bene nel complesso il Milan. Il Napoli è una squadra completa e ha qualcosa in più dei rossoneri. Il Milan ha Ibra, questo è vero. Il Napoli però è una squadra pronta per questo tipo di sfide. Sarà una prova di più per il Milan, ma non perché è inferiore ma perché deve rischiare di vincere quando sei in quella posizione". 


Ospiti: Mario Sconcertii - Maracanà con Marco Piccari e Cinzia Santangeli © registrazione di TMW Radio

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy