Sconcerti: "Inter, con la costruzione della difesa è nato lo Scudetto. Ora serve un fantasista"

02 mag 2021 23:57Calcio

Al Maracanà Show di TMW Radio è arrivato il momento del direttore Mario Sconcerti, che ha commentato così il turno di campionato e il trionfo dell'Inter:

Chi ha inciso di più nello Scudetto dell'Inter, oltre a Conte?
"Credo Lukaku, Barella e De Vrij, con una menzione particolare per Lautaro, che è cresciuto molto nella fase decisiva del campionato. E' diventato molto vicino a un fuoriclasse. L'Inter ha cominciato sbandando in difesa, quando sono mancati alcuni elementi chiave. Una svolta c'è stata a Bergamo contro l'Atalanta, quando per la prima volta sono finiti gli affanni di tutti quando sono rientrati Bastoni e De Vrij e si è formato il reparto con Skriniar. E' stata con la costruzione della difesa che si è cominciata a vedere la squadra da Scudetto. E' un titolo diverso, perché arriva dopo nove anni di Juventus ed è curioso che a metterne fine al ciclo sia quello che lo ha iniziato. Sicuramente è una squadra completa, cosa che non si può dire di tutti gli altri. Era l'unica pronta ad aspettare la fine della Juventus. Non c'è stato campionato praticamente".

Conte è l'uomo che ha inciso di più?
"E' quello che l'ha fatta. Marotta? Ha meriti anche lui, lo considero il dirigente più bravo. C'è stato un momento tra febbraio e marzo decisivo, quando i dirigenti hanno preso il Covid ed era da mesi che mancava anche la proprietà. E in quel momento è rimasto solo Conte, che è diventato non solo il tecnico ma anche la società. Ed è lì che l'Inter ha fatto l'ultimo gradino".

Si può migliorare questa Inter?
"Sì, questo è un inizio e lo sa anche Conte. Devi confermare certe cose anche in Europa. L'Italia è un cortile che non basta alle grandi squadre. Per diventare una squadra europea deve essere migliorata. Serve un giocatore di fantasia che dia certe qualità alla squadra e che aiuti Brozovic ad avere sempre il dovere di costruire dal basso. E poi serve un esterno di sinistra e un quarto attaccante".

Conte ha vinto anche nell'utilizzo di Eriksen?
"Conte ha vinto su tutto. Io credo che Eriksen doveva essere così ma ancora non basta. Si è lavorato su Eriksen quando si è capito che non ci si poteva affidare a Vidal. Uno dei grandi meriti dello staff di Conte è quello di aver portato avanti per molto tempo gli stessi 14-15 giocatori, per via di diverse defezioni".

Juventus, fine del dominio:
"Pirlo è l'errore più piccolo della Juventus. Gli è stata data una squadra in ricostruzione, una rosa in ricostruzione. Poi ci ha messo del suo, ma è stato un anno di errori complessivi della Juventus, dal caso Suarez alla storia della Superlega al comportamento strano di Ronaldo".

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy