Scanzi: "Il Milan merita di essere lì in alto. Ibra il condottiero. Non scriverei un libro su CR7"

19 nov 2020 16:40Calcio

A parlare di Serie A a TMW Radio, durante Maracanà, è stato il giornalista Andrea Scanzi.

Che ne pensi del momento del tuo Milan?
"Da tifoso posso dire che sulla carta ci sono squadre più forti come Juve, Inter e Napoli, ma questo Milan visto finora merita la posizione che ha e forse gli è mancato qualche punto. Con Verona e Roma, se avessimo vinto, non sarebbe venuto giù il cielo".

Come racconteresti questo Milan?
"Come una piccola favola non prevista, attorno alla quale ruota una figura che è tra i pochi calciatori dotati di etica, ossia Ibra. E' spigoloso, eccentrico, spesso non ha avuto uscite felici, ma quando gioca ha una dimensione etica. E' il giocatore a fine carriera che quasi da solo spinge la squadra, che ruota attorno al suo carisma e alle sue qualità. A 39 anni giocare a questi livelli era impensabile. Ci crede, ha caricato un ambiente distrutto, che nessuno pensava potesse sbocciare. E' lui ora il condottiero". 

Ronaldo è un calciatore etico?
"Un libro su di lui non lo scriverei e non lo leggerei. E' poco affascinate fuori dal campo, è un prodotto. Totti giustifica una storia su di lui, Ronaldo no". 


Ospiti: Massimo Brambati, Andrea Scanzi - Maracanà con Marco Piccari e Cinzia Santangeli © registrazione di TMW Radio

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy