M.Paganin: "Sarà un mese decisivo per le ambizioni dell'Inter. Eriksen? Serve tempo"

13 feb 2020 13:28Calcio

Per parlare di Inter-Napoli a Maracanà, nel pomeriggio di TMW Radio, è intervenuto l'ex calciatore Massimo Paganin.

Cosa pensi della rosa dell'Inter?
"E' competitiva, ha bisogno ancora di amalgamarla. Comincia ad essere importante, deve solo trovare le geometrie giuste. Determinante sarà la partita di ritorno. Ieri sera non è stato il meglio visto in stagione, non c'è stata intensità ma a volte ci sta, soprattutto dopo un derby dove se ne sono andate tutte le energie nervose. Poteva finire 0-0, ma non è compromesso il passaggio del turno. Ci si aspetta di vedere un'Inter diversa. Conte ha ancora da lavorare, ci aspettiamo una squadra in continua crescita. Da qui a fine marzo si gioca tantissimo tra campionato, Coppa Italia ed Europa League. Potresti arrivare anche a non avere più obiettivi o con tutti e tre ancora in piedi. E' un momento delicato e l'asticella va alzata. E Conte se ne è reso conto. Sa quanto è importante questo mese".

Che ne pensi di Eriksen?
"C'è qualità ma ancora deve inserirsi nei meccanismi. Deve ancora comprendere cosa vuole Conte dai centrocampisti. Dovrà adattarsi un po' ai movimenti che chiede alle sue mezzali. E' un giocatore dai valori assoluti. Ha bisogno ancora di tempo".

Cosa pensi del Napoli?
"Ha fatto un passo in avanti. Ed è positivo. Si rendono conto anche di cosa hanno fatto negli anni passati ma ora devono imparare a difendersi meglio per poi attaccare come sanno. Un po' alla volta deve recuperare il gap. Ieri sera se avesse giocato a viso aperto con l'Inter, avrebbe perso. Gattuso è riuscito a convincere i ragazzi a fare questo gioco, per ritrovare serenità e certezze".

E se fosse questa la strada da intraprendere da Gattuso?
"Potrebbe essere, allora potrebbe diventare come la Juve di Allegri, che si difendeva e ripartiva con pericolosità. Ma sarà un percorso lungo, che deve passare necessariamente per le vittorie. Gattuso è solo all'inizio, ha cercato di trovare una soluzione per bloccare i risultati negativi che potevano minare il resto della stagione".

Fabian Ruiz, giocatore da trattenere assolutamente?
"Bisognerebbe cercare di tenere giocatori giovani e di talento come lui. ha ampi margini di miglioramento. Sarebbe da trattenere per ricostruire una squadra. Ma se viene ben pagato, sarà difficile trattenerlo". 

Come sarà la sfida alla Lazio?
"Sa di incontrare una grande squadra, temibile, che non perde dal girone d'andata proprio a San Siro con l'Inter. Servirà tirare fuori personalità, è una partita spartiacque della stagione".


Massimo Paganin, Francesco Marolda, Fulvio Giuliani, ospiti di Marco Piccari. © registrazione di TMW Radio

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy