Guidi: "Petriccione ha grandi qualità. Mancini non è stato una sorpresa a centrocampo"

05 dic 2019 18:35Calcio

A Stadio Aperto, nel pomeriggio di TMW Radio, è intervenuto Federico Guidi, ex tecnico del Gubbio e della Fiorentina Primavera, oltre che ex tecnico dell'U19 e U20.

Sullo stato di salute del calcio italiano
"E' buono, il talento non è mai mancato e sarà sempre fucina di grandi giocatori. Specialmente nelle prime squadre dobbiamo avere il coraggio di dare più minutaggio ai ragazzi e proteggerli dalle pressioni, nel voler tutto e subito. Perché al primo errore vengono etichettati come non buoni e rischiamo di bruciarli. Il giovane in Italia, partendo da piccolo, anche nelle sole attività motorie, fa molte meno ore di chiunque altro in Europa. A livello di settore giovanile si allenano meno rispetto ai coetanei francesi, tedeschi, spagnoli".

Come si allena un giovane sul lato della pressione?
"Il giovane va allenato nei valori umani e dal punto di vista caratteriale, per saperti rialzare nei momenti difficoltà, che ci saranno sempre. ma oggi i ragazzi vogliono tutto e subito. Molti pensano che una volta usciti dal campionato Primavera si apra il mondo della A, ma questo è per pochissimi".

Sulle seconde squadre
"Sono d'accordo, ma regolamentate come accade all'estero. Possiamo abbassare l'età in Primavera e alzare quella nel campionato. L'obiettivo è far crescere in casa delle promesse, per poi proiettarle in prima squadra".

Su Petriccione
"Gli faccio i complimenti, ha grandissimi valori morali, che sanno soffrire e non si abbatte nelle difficoltà. Si mise in mostra con me nella Primavera. Invece di mettere in evidenza i pregi, si etichetta come non pronto solo mettendo in evidenza l'aspetto fisico. Fu bocciato da tutte le squadre di B per questo, andò a Pistoia e si calò bene nell'ambiente facendo vedere una crescita esponenziale. Si è conquistato sul campo la Serie A con il Lecce. Sta dimostrando la sua professionalità e le sue qualità".

Su Gianluca Mancini
"Nasce centrocampista centrale, lo fece nei giovanissimi Nazionali a Firenze, poi negli allievi Nazionali decidemmo di metterlo dietro, anche perché quando lavori in un settore giovanile, devi cercare di proiettare le potenzialità di un giocatore in un ruolo e cercare di farlo esplodere. Quando Fonseca lo ha riproposto lì, è tornato alle sue origini. Sa leggere il gioco, ha buoni piedi".

Su Chiesa
"Sono convinto che il ruolo ideale è l'esterno che può giocare a destra o sinistra. Rende di più a sinistra, perché quando rientra ha grande velocità di esecuzione. E' un esterno di attacco. Col il 3-5-2 la scelta è stata su come trovare un equilibrio di squadra per far rendere il gruppo più che Federico. Quando la squadra tornerà ad essere tale e supererà il periodo di appannamento, il mister potrà tornare al 4-3-3 originario".

Su Castrovilli
"Ogni ragazzo ha bisogno del proprio percorso. C'è chi deve farlo in campionati minori e dove riesce a trovare la fiducia in se stesso, come successo a lui o a Bernardeschi, o quelli come Chiesa che fu messo titolare con la Juve uscito dalla Primavera. L'importante è arrivare all'obiettivo".

Su Diakatè
"Sta facendo il suo percorso. Ognuno è diverso nel processo di maturazione. E' un giocatore che ha potenzialità illimitate, ha fisicità e abilità tecniche, ha ancora grandi prospettive. E' di proprietà del Parma, la scelta di andare in Serie B belga è dovuta al fatto di andare a giocare in un campionato ideale per le sue qualità e trovare continuità. Un infortunio però non gli sta dando una certa regolarità. Quando avrà continuità, calcherà campionati importanti".

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy