Giordano: "Juve, folle discutere Dybala. Pirlo? Sarei partito dall'U23"

30 ott 2020 15:58Calcio

A parlare dei temi del giorno a TMW Radio, durante Maracanà, è stato l'ex calciatore e tecnico Bruno Giordano.

Come inquadrare Chiesa alla Juve?
"Un grande acquisto, non so cosa può dare in questo schema di gioco. Di sicuro è uno dei più forti giocatori azzurri, spero possa fare una grande carriera. Serve trovargli un posto certo, altrimenti soffre sia il ragazzo che il club. Basti vedere la fine di Bernardeschi".

Dybala un problema? O è altro?
"Discuterlo è folle. Gli va dato il tempo, viene da un lungo infortunio, ha avuto anche il Covid. Dopo la prima partita fatta bene, puoi avere stanchezza dopo. La Juve però non può discutere Dybala, deve essere un punto di riferimento. Casomai vanno discussi altri. Pirlo dovrebbe andare più sul sicuro ora. Serve dare certezze a centrocampo. Se cambi troppo, complichi anche i meccanismi di squadra".

Critiche però sono piovute anche su Pirlo:
"Collaboratori con poca esperienza? Senza buttare la croce addosso a Tudor e Baronio, è Pirlo quello che decide. Ma anche i suggerimenti sono importanti. Sta facendo esperienza in un club tra i primi al mondo, quando di solito la fai in Serie B. Solo alcuni risultati importanti gli potranno allegerire la pressione. Forse non ha mai vissuto in carriera momenti così difficili".

Lei al posto di Pirlo avrebbe accettato di esordire alla Juve senza aver mai allenato?
"Avrei detto di no, avrei fatto la gavetta in U23, avrei sbagliato e sarei cresciuto senza troppe pressioni. La gavetta ti migliora, così come quando fai il calciatore".


Ospiti: Massimo Brambati, Bruno Giordano e Alessio Tacchinardi - Maracanà con Marco Piccari e Cinzia Santangeli © registrazione di TMW Radio

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy