Giordano: "Italia padrona del suo destino contro l'Austria. Ma occhio a contenere gli esterni"

25 giu 2021 15:28Calcio

A parlare di Italia a Maracanà, nel pomeriggio di TMW Radio, è stato l'ex bomber e tecnico Bruno Giordano.

Quale il rischio per l'Italia contro l'Austria?
"Forse il ritmo, sugli esterni spingono molto. Poi hanno diversi elementi pericolosi, come Arnautovic, Sabitzer, ma niente di straordinario. E' del livello delle Nazionali incontrate nel girone. La partita deve farla l'Italia. Se la gioca, la vince bene. Se non sarà la solita Italia, ci possono essere problemi".

Quali i duelli più importanti?
"Dobbiamo essere bravi a non far avanzare troppo gli esterni, che hanno una corsa notevole. Insigne e Berardi dovranno impegnarli più del solito per non farli venire davanti. Poi occhio ad Arnautovic e al centrocampo dinamico. Ma molto, ripeto, dipende da come giochiamo noi".

Quali scelte a centrocampo?
"La scorsa settimana eravamo più orientati su Locatelli, ma ci sono stati anche tanti giorni di recupero quindi credo che Verratti abbia recuperato. I problemi sono quando sei costretto a scegliere sempre gli stessi undici. Certo l'esperienza in certe partite fa la differenza".

Inginocchiarsi o meno per la lotta al razzismo. Che ne pensa?
"Sono dell'idea che ognuno possa fare quello che vuole. Io non lo avrei fatto, uno può essere antirazzista anche non inginocchiandosi. Ognuno può scegliere".


Ospiti: Bruno Giordano "Non mi sarei inginocchiato qua non c'entra il razzismo. Bisogna sentirsi liberi" - Massimo Brambati "Giocherà Verratti per esperienza e qualità" - Maracanà con Marco Piccari e Cinzia Santangeli © registrazione di TMW Radio

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy