Fassone: "Milan, noi abbiamo detto no a Ibrahimovic. Gattuso adatto al Napoli"

03 dic 2019 16:32Calcio

L'ex ad del Milan Marco Fassone è intervenuto nel corso di Maracanà, trasmissione di TMW Radio, per parlare dei temi del momento.

Sul Pallone d'Oro
"Se è un premio che deve premiare chi si è distinto nel corso dell'anno, si doveva pescare all'interno del Liverpool. Ha fatto discutere la decisione di Messi. Io personalmente sono un 'ronaldiano', è l'icona del calciatore da pallone d'oro costante. Ma io avrei puntato sui giocatori del Liverpool".

Sul duello Juve-Inter
"Sono convinto che più equilibrio c'è in testa, ma di qualità, più può far bene al campionato. Questo duello però ci può far dimenticare i problemi più grandi del sistema calcio Italia, che vanno risolti e si fa fatica ad affrontare. Ci sarebbe tantissimo da fare per riportare la Serie A per competere con le altre leghe".

Sul Milan e le parole di Montolivo
"Riccardo è stato un grandissimo giocatore, era il capitano del Milan, poi vengono fatte dall'allenatore delle scelte tecniche. Sia Montella che Gattuso fecero scelte simili su di lui, non era un titolare al momento. Fecero la proposta di cambiare il capitano all'inizio della stagione '17/18, con grande rispetto di Riccardo, che si è sempre allenato con professionalità e che quando è stato chiamato in campo ha fatto le sue cose da professionista. L'amarezza per come è finita credo ci sia e ci sta".

Sul momento del Milan
"Pioli qualche anno fa si ritrovò sulla sponda Inter e subentrò in una situazione complessa così come a Milano e fece molto bene. Lui sa tirare fuori il meglio in situazioni del genere, per me farà bene e farà tornare il Milan in una classifica più logica per un club come quello rossonero. Vedere un Milan solo 4 punti solo la retrocessione... lo rivedremo presto nella parte sinistra della classifica e lo vedremo con un posizionamento con le attuali possibilità della squadra".

Su Ibrahimovic e Piatek
"Ibra fu una suggestione che avemmo anche noi, ma poi optammo per il no. Ne parlammo anche con Raiola al tempo. Servirebbe stabilità, perché troppi cambiamenti di calciatori e dirigenti danno instabilità. Se credono in questi giocatori, vadano avanti perché poi il tempo premia".

Su Gattuso
"Ritengo Rino un ottimo allenatore, che ha doti e qualità che vanno al di là della sua classica nome di allenatore tutto grinta. Ha basi eccellenti dal punto di vista tecnico e tattico, sa creare un clima nel gruppo in cui i ragazzi danno tutto se stessi. Ha ottenuto ottimi risultati con una squadra non creata da lui. Gli auguro di avere la possibilità di tornare su una panchina importante. Conoscendo Adl, è sempre stato restìo a fare cambiamenti in corsa. Credo che recupererà la situazione con Ancelotti e risolveranno i problemi nello spogliatoio".

Sull'Inter
"Conte incide tantissimo. Lui riesce a vincere subito in ogni situazione. Sicuramente l'effetto Conte è straordinario. Ma con la proprietà di Zhang è riuscita anche a risollevare la società. Hanno messo le pedine giuste al posto giusto e quindi è una rivale da prendere con le molle".

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy