Di Livio: "Juve, niente scuse. Pirlo, se vuole bene al club, deve fare un passo indietro"

09 mag 2021 22:57Calcio

A parlare della giornata di campionato al Maracanà Show di TMW Radio è stato l'ex calciatore Angelo Di Livio.

Milan, 3-0 netto alla Juventus:
"Ho rivisto il Milan del girone d'andata. La Juve non deve cercare scusanti ma fare i complimenti all'avversario che ha vinto sul campo. Juventus con poche idee, non ha mai tirato in porta. Ora mi aspetto che qualcosa succederà. Se vuole bene al club, un passo indietro deve farlo Pirlo".

Che ne pensa dello sfogo del ds del Benevento contro l'arbitro dopo la sfida al Cagliari?
"C'è andato giù pesante. Capisco il Benevento, capisco Vigorito, il contatto c'è. Ed è un episodio che cambia la partita il rigore non dato, anche se non mi è sembrato nettissimo. Viola trascina un pò la gamba destra, però il contatto, anche se leggero, c'è. La permanenza in A è ancora tutta da giocare però".

Roma, cinquina al Crotone. Con Mourinho che squadra sarà?
"Le sue squadre non sono mai 'special' ma tatticamente forti e preparate. E' diverso da Fonseca. La mia curiosità è sul mercato che verrà fatto. Io credo che qualche garanzia l'abbia avuta, 3-4 giocatori d'esperienza arriveranno".

Che obiettivo deve centrare?
"Deve impostare delle basi importanti. Ci sarà tanta concorrenza ma a dovrà gettare le basi per una squadra forte. Mourinho conosce la piazza, non credo che non venga senza la sua solita cattiveria. Il campo ci dirà tutto, negli ultimi anni non ha fatto benissimo ma ogni stagione ha una storia a sè. Deve partire bene e portare un po' di entusiasmo".

L'Atalanta a cosa dovrà puntare il prossimo anno?
"Non si può più nascondere, il prossimo anno deve puntare allo Scudetto. Ora dovrà essere spavalda, perché ha tutto per vincere il titolo".

Lazio, ko con la Fiorentina che la mette fuori dalla lotta Champions?
"Dopo ieri sera è sempre più difficile. Se avesse fatto gol Correa, sarebbe cambiata la partita. Ha trovato una Fiorentina tosta, che ha concesso pochissimo".

Che farà Inzaghi? Perché non rinnova?
"Io se volessi firmare il contratto, chiamerei il presidente e firmerei. Perché tutto questo tira e molla? Aspettare quale Europa sarà? Non ci credo. SI deve riflettere sul tecnico ma anche sui giocatori".

Inzaghi sulla panchina della Juventus potrebbe andare?
"Per me ha già firmato Allegri".


Angelo Di Livio, Roberto De Cosmi, Mauro Bergonzi, Enzo Bucchioni, Pietro Wierchowod, a commento del post partita Juventus Milan. © registrazione di TMW Radio

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy