Cobolli Gigli: "Juve, contro il Milan non è stata partita vera. Giusto tenere Pirlo fino alla fine, poi si vedrà"

10 mag 2021 14:30Calcio

A parlare di Juventus a TMW Radio, durante Maracanà, è stato l'ex presidente bianconero Giovanni Cobolli Gigli.

Gravina minaccia l'esclusione dalla Serie A della Juventus se non esce dalla Superlega:
"Faccio una battuta, quasi meglio farsi mettere fuori che giocare il prossimo campionato, vista la situazione. Penso che queste siano le regole. Mi pare che il presidente Gravina abbia citato delle regole chiare".

Che partita ha vissuto ieri sera?
"L'abbiamo persa sul serio, non per poco. Il Milan ha giocato bene, dopo i primi 5-6 minuti in cui ci eravamo illusi, il Milan è cresciuto. Gli avversari correvano e si muovevano in modo che i nostri non riuscivano a stargli dietro. E poi un bel gioco, mentre noi abbiamo giocato sempre in orizzontale. Non c'è nessuno che si salvi, forse solo il portiere che ha parato il rigore. Ero convinto che ci sarebbe stata partita vera, con la Juve che avrebbe potuto riscattare il suo onore, oltre che l'obiettivo Champions".

Errore tenere Pirlo o confermarlo dopo il Porto?
"L'errore risale a molto prima, all'acquisto di Ronaldo. Lo considero uno dei migliori al mondo ma non era opportuno per la Juventus acquistarlo a quelle cifre. Ci sono state fratture nella società, quindi un buon dt come Marotta ha deciso di andarsene, sono subentrate persone che erano validi numeri 2 ma non capaci di fare i numeri 1, poi questi non hanno più voluto Allegri e hanno inserito un allenatore tecnicamente valido ma che ne aveva dette di tutti i colori contro la Juve. Poi si è arrivati alla scelta di Pirlo, quasi una reazione di Agnelli per dare una lezione ai suoi dirigenti. Qualche partita buona Pirlo l'ha fatta, poi si è perso per strada lui e i giocatori. Ora la situazione è ingarbugliata. Io condivido la scelta di tenerlo fino a fine stagione, poi si vedrà. Ma le probabilità che si vada in Champions sono minime. Spero che si giochino bene le ultime tre gare, ma sono molto scettico. Ricordo che noi prendemmo Deschamps e lui rimase anche dopo la prima sentenza che ci mandò in Serie B. Poi però dopo la promozione, il procuratore fece richieste che poi lo portarono all'addio. Ricordo poi l'esperienza di Ferrara, ma poi ne pagò le conseguenze e dovette andarsene. Rischiare dei giovani brillanti con una carriera agonistica importante molte volte è un rischio. E quindi sarebbe da evitare".

Chi per il dopo-Pirlo?
"Abbiamo pagato 31 milioni l'anno, che comunque il suo dovere l'ha fatto, quindi ci sarebbe un allenatore che con 23 milioni verrebbe ed è Guardiola. Io allora direi Allegri ma se fossi lui non ci verrei".


Ospiti: Giovanni Cobolli Gigli "Gravina è chiaro, queste sono le regole" - Andrea Solaini "L'errore più grande prendere Pirlo" - Stefano Salandin "Nella Juve grandi cambiamenti dirigenziali" - Maracanà con Marco Piccari e Cinzia Santangeli © registrazione di TMW Radio

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy