Campagnolo: "Il Cagliari non è una sorpresa. Meret meglio di Donnarumma"

29 nov 2019 18:42Calcio

L'ex portiere e preparatore dei portieri della Primavera del Cittadella Andrea Campagnolo ha detto la sua a TMW Radio, durante Stadio Aperto, sul momento di 

Sulla Roma
"Ha fatto una scelta di portare in Italia un tecnico molto preparato. Dalla società mi dicono che è molto preparato, fa dell'intensità il suo forte e si vede in campo. Non hanno una squadra per stare tra i primi tre, ma si stanno difendendo bene, facendo vedere un bel calcio con alcune cose innovative. Smalling? Dietro c'è il tecnico, che lo ha voluto e lo sta valorizzando. Bravo poi lui a scegliere la Roma, che sta valorizzando anche tanti giovani. In futuro può essere una squadra fastidiosa per tutti. Florenzi ha dimostrato di essere un campione non al livello di Totti e De Rossi, il mister sta facendo ora altri tipi di scelta. Io per un futuro alla Totti vedrei Zaniolo". 

Sul Cagliari
"Uno da fuori dice che può essere una sorpresa, ma se andiamo a vedere i singoli e il mister in realtà non lo è. Ha una difesa molto affiatata, poi diversi elementi come Nainggolan, Joao Pedro. E' una squadra fastidiosa che ha fatto vedere anche un ottimo calcio. Sono arrivati ottimi risultati e la posizione in classifica è giusta e meritata".

Sull'Europeo e la questione portieri
"Dalle gerarchie di Mancini, è chiaro che Donnarumma è titolare. Anche se Sirigu sta facendo bene. Lui ha l'esperienza, anche al Psg. Donnarumma deve crescere ancora tanto, non è ancora top. Meret per me è molto più bravo, tecnicamente più preparato e che può crescere ancora tanto. Meret mi sembra l'Antonioli dei vecchi tempi, fa tutto bene, fa cose semplici. Il portiere deve parare il parabile, deve essere continuo. A livello tecnico lo vedo meglio del milanista".

Sul Papu Gomez
"E' un grande, è un ragazzo eccezionale. Ci mette sempre l'anima negl iallenamenti. Sta raccogliendo tutto quello che ha seminato negli anni scorsi. Per me sarebbe esploso anche prima, ma è stato fortunato ad incontrare uno come Gasperini, che lo ha messo in piedi alla grande. Ora è sempre determinante, l'ho conosciuto ai tempi del Catania ma ora è un'altra cosa".

Su Paleari
"Per me è pronto per la A, sembrava vicino al Torino questa estate. Anche quest'anno sta dimostrando di avere qualità tecniche ed un ottimo rendimento. Spero riesca ad andare in A con il Cittadella ma in generale merita l'alto livello".

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy