Brambati: "Juve, in panchina serviva uno come Spalletti. Barella? Conte fondamentale nella sua crescita"

18 gen 2021 15:59Calcio

Per parlare di Inter-Juve e non solo a TMW Radio, durante Maracanà, è intervenuto l'ex calciatore e procuratore sportivo Massimo Brambati.

Quale il primo problema della Juventus?
"E' avere uno in panchina che non è un allenatore. Io non avrei accettato la panchina della squadra più forte d'Italia alla mia prima avventura. Quanti giocatori ha cambiato nell'ultimo anno? E' una squadra che arriva da 9 scudetti consecutivi. Per me la società ha sbagliato il dopo Allegri, non scegliendo un tecnico adeguato. Sarri lo devi tenere e difendere, non lo mandi via dopo un anno. Da lì è stata una catena di errori. E il ko con l'Inter è il finale di questa catena di errori. E spero per i tifosi della Juve che non vinca la Supercoppa, perché servirebbe a mascherare ancora tutti gli errori fatti".

Quale l'allenatore che poteva essere l'ideale per la panchina della Juventus?
"Spalletti".

Barella il centrocampista più forte in Italia?
"E' cresciuto tantissimo. La crescita veloce è dovuta anche al modulo, dal tecnico. Per crescere ha trovato l'allenatore migliore, perché Conte riesce a tirare fuori il meglio dai giovani". 

Come commenta la vittoria dell'Inter?
"Una partita non può cancellare quanto detto prima, sull'eliminazione in Champions e il resto. Giustamente ora è più forte l'Inter, ma perdere come ha perso la Juve non ci sta".


Ospiti: Massimo Brambati, Alessio Tacchinardi e Antonio Di Gennaro - Maracanà con Marco Piccari e Cinzia Santangeli © registrazione di TMW Radio

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy