Accardi: "Sarri uno dei migliori, per il bel gioco serve pazienza"

21 feb 2020 19:25Calcio

Il direttore sportivo dell’Empoli, Pietro Accardi, è intervenuto a “Stadio Aperto” su TMW Radio per parlare della sua squadra e degli allenatori che sono passati per la panchina empolese in questi anni.

Quanto è stato difficile quest’anno per l’Empoli?

“Quando inizia un nuovo progetto tecnico, come è successo qui ad Empoli, stravolgendo la rosa, ci può stare un po' in difficoltà. Oggi la squadra sta tornando a fare risultati positivi e continua a crescere, questo ci rende molto contenti del nostro lavoro”.

Siete stati molto attivi in questo mercato invernale, c’è stato un giocatore in particolare che seguivi da tanto?

“Sono state tante trattative e tutte complicate però alla fine siamo riusciti a portare a termine tutte le operazioni che volevamo. I giocatori che abbiamo preso erano richiesti da tanti altri club ma alla fine hanno preferito abbracciare il nostro progetto. Uno dei colpi è stato Ciciretti che si è fatto trovare molto motivato e lo ha dimostrato anche nell’ultima partita da subentrato”.

Sul grande impatto di Gennaro Tutino con la maglia azzurra:

“Anche lui, come tutti i nuovi acquisti, è arrivato con le giuste motivazioni per far bene, aveva dimostrato già lo scorso anno il suo talento in Serie B e si sta confermando anche con la maglia azzurra”.

Quali sono gli obiettivi dell’Empoli in questa stagione?

“In questo momento non ci siamo posti degli obiettivi. L’unico obiettivo è la prossima partita a Perugia. Quest’anno il livello della cadetteria si è notevolmente alzato. Il Benevento viaggia ad un ritmo tutto suo, sono compatti e stanno riuscendo sempre ad ottenere quello che vogliono, dietro di loro tutte le altre stanno dando vita ad un campionato molto avvincente”.

Giampaolo a Empoli ha fatto cose straordinarie, cosa non è andato al Milan?

"Conosco bene Marco, qui ha fatto un ottimo lavoro riuscendo a valorizzare tanti calciatori al massimo delle capacità. Visto da fuori è difficile capire esattamente cosa non sia andato a Milano, per comprendere a pieno bisognerebbe essere all’interno dell’ambiente Milan”.

Sarri è il profilo giusto per il presente e il futuro della Juventus?

“Reputo Sarri uno dei migliori tecnici italiani. Se analizziamo il percorso della Juventus vediamo che sono ancora in corsa su tutti i fronti. Bisogna avere pazienza per arrivare a vedere il bel gioco che tutti chiedono. Sicuramente i giocatori che aveva a Napoli sono diversi da quelli che allena ora, alla Juventus ci sono tanti fenomeni, ma questo non vuol dire che un campione non possa essere a suo agio in un sistema molto organizzato come quello di Sarri”.


Pietro Accardi, direttore sportivo dell’Empoli, intervistato da Francesco Benvenuti e Niccolò Ceccarini © registrazione di TMW Radio

Altre news

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy