ESCLUSIVA - Tare: "TMW Awards, ringrazio giocatori e staff. Inzaghi? Un maestro"

20.11.2017, 16:44 - letto 142 volte

Vincitore del TMW Awards 2017, riconoscimento con cui viene premiato il miglior direttore sportivo dell'anno secondo i lettori, è stato con il 35% dei voti il DS della Lazio Igli Tare, intervenuto nel pomeriggio di TMW Radio nel contenitore Tribuna Stampa

Direttore, un grande traguardo che la premia per il suo operato: cosa si sente di dire?
"Ringrazio tutti i lettori per la fiducia. Voglio condividere questo risultato con tutto il mio staff e la società. Abbiamo fatto un lavoro di gruppo grandissimo e questo va dato atto a tutti i ragazzi che lavorano con me. Mi auguro che a fine anno possiamo raccogliere dei frutti importanti per questo lavoro".

In questo gruppo importantissimo, spicca Simone Inzaghi...
"Abbiamo la fortuna di lavorare insieme da tempo, ci conosciamo da più di 12 anni. Con Simone abbiamo approntato un lavoro sin da quando era nel settore giovanile. Lui rispecchia i valori veri che ogni società dovrebbe avere, accendendo entusiasmo e passione in tutti i tifosi. Sa coinvolgere davvero chiunque. Il merito di questo traguardo è anche suo. La qualità più importante di Simone? La capacità di coinvolgere tutto i calciatori e di farli sentire parte del progetto, senza dubbio. E' molto complesso avere un gruppo unito che sa remare compatto verso un unico obbiettivo. Lui, invece, è un maestro a creare questa compattezza".

E questo si vede, ad esempio, su un calciatore come Luis Alberto
"Lui è uno dei tanti a cui va questo risultato. Senza il lavoro di questi ragazzi è impossibile arrivare ai traguardi importanti e di questo darò sempre atto alle persone che collaborano con me".

Infine non possiamo non coinvolgerla nel dibattito che sta interessando il calcio italiano: quale è il suo giudizio?
"Per ogni aspetto negativo, c'è sempre qualcosa di positivo. E' giunto il momento di fare un progetto a lungo termine in Italia e i prossimi europei saranno fondamentali. Che ora si risolvano i problemi in federazione e poi si scelga un allenatore che possa creare uno zoccolo duro e un progetto vincente con i giovani. In Italia ci sono ragazzi davvero validi e occorre lavorare per valorizzarli".


Igli Tare, Ds Lazio, intervistato da Marco Piccari e Vincenzo Marangio

Altre notizie

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.
Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.